Quanto costa un investigatore privato? Quali fattori concorrono a fare il prezzo di un’indagine investigativa e in che modo scegliere un “buon” detective? Sono tutte domande che si pone, giustamente, chi deve rivolgersi ad un’agenzia investigativa per la prima volta, perché con gli 007 non ha mai avuto a che fare.

Ecco allora una breve guida, firmata Argo, alla scelta del “buon” detective, anche dal punto di vista dei costi delle indagini.

Come scegliere l’investigatore privato? Quando il prezzo è una discriminante

Scegliere un investigatore privato non è semplice perché i fattori da valutare sono diversi. Sicuramente è meglio affidarsi ad agenzia investigative conosciute e riconosciute, con una storia alle spalle che sia garanzia di stabilità e con una reputazione on e off line facilmente verificabile. Meglio evitare realtà “fantasma”, che non hanno una sede fisica o con cui non è possibile parlare di persona ma solo al telefono o via mail. Requisito imprescindibile è, poi, l’autorizzazione della Prefettura all’esercizio della professione obbligatoria per legge. I costi dell’investigatore privato? Sono certamente importanti ma devono essere valutati insieme a molti altri fattori.

Cosa tenere in considerazione per scegliere un “buon” investigatore privato?

  • che l’agenzia eroghi servizi investigativi realmente in linea con le proprie esigenze;
  • che l’agenzia investigativa si serva di un team con competenze multidisciplinari, in grado di rispondere alle sfide sempre più complesse di una realtà sociale in continua evoluzione;
  • che l’agenzia utilizzi strumentazione tecnologicamente all’avanguardia e investa in formazione continua per i suoi dipendenti;
  • che il detective abbia una conoscenza approfondita del settore di riferimento e della normativa che lo determina;
  • che i costi dell’investigatore privato e della sua agenzia non siano fuori mercato, scontatissimi, stracciati, perché a costi eccessivamente bassi corrispondono, in genere, servizi di bassa qualità.

Cosa concorre a fare il prezzo dell’investigatore privato?

  • Professionalità e competenza: questi sono le prime variabili che determinano, o meglio dovrebbero determinare, i costi dell’investigatore privato, come del resto per qualsiasi altro professionista. Valutarli non è sempre facile ma una ricerca preliminare online, il riscontro di amici, parenti e conoscenti, un colloquio preliminare approfondito con l’agenzia in questione possono fornire molti elementi;
  • etica professionale e riservatezza: qualsiasi servizio richiesto ad un’agenzia investigativa comporta necessariamente la condivisione di informazioni riservate, siano esse personali o aziendali. Le realtà più serie e competitive utilizzano sistemi gestionali, tecnologia e procedure idonee a tutelare al meglio la privacy dei propri clienti;
  • qualità dei servizi ed efficacia: un servizio di qualità ha un costo determinato dalla tariffa oraria degli investigatori privati, dalle loro competenze a anzianità, dalla strumentazione tecnologica di cui dispongono, dalla loro velocità di spostamento e di reperimento delle informazioni. Tutto questo porta con sé un maggiore o minore livello di efficacia investigativa;
  • trasparenza: fondamentale nel rapporto con il cliente che all’agenzia investigativa si affida. Ha un costo, seppur indiretto, perché, anche in questo caso, i processi di un’agenzia investigativa seria e competente devono necessariamente essere studiati, elaborati e affinati attraverso competenze e strumentazione idonea;
  • certificazioni: le agenzie investigative più competitive scelgono di investire sulla qualità processi e sulla sicurezza delle informazioni certificati da enti terzi.

Come reperire tutte le informazioni sopra elencate per poi valutare se i costi dell’investigatore privato sono o meno adeguati?

Fondamentale, come detto in precedenza, è il colloquio preliminare con l’agenzia investigativa, in genere gratuito. Durante questo primo incontro, l’agenzia competente e affidabile spiega al cliente in modo dettagliato:

  • come si svolgeranno le indagini;
  • quali strumentazione tecnologica sarà presumibilmente utilizzata;
  • quale potrebbe essere la strategia investigativa e quali variabili potrebbero influire e modificarla;
  • restituisce, infine, un preventivo dei costi desumibili al momento.
I professionisti di Argo: dall’incontro preliminare al preventivo

Dopo un incontro preliminare gratuito con il cliente, i professionisti dell’agenzia investigativa Argo sviluppano, nel minor tempo possibile, il progetto investigativo che spiega in maniera chiara e dettagliata la strategia, le tecniche e le modalità operative dell’indagine.

Lo sviluppo del progetto investigativo consente di illustrare al cliente i costi del servizio, senza dover quindi richiedere ulteriori somme di denaro dopo la firma del mandato.

Il team dell’agenzia investigativa è costantemente in contatto con il cliente durante ogni fase dell’indagine, mettendolo al corrente dell’esito parziale del lavoro investigativo, dall’inizio fino alla sua conclusione. Il cliente avrà come punto di riferimento, per tutto il corso delle indagini, uno junior manager con il compito di informarlo, aggiornarlo e farsi promotore delle sue richieste o rinnovate esigenze presso l’agenzia investigativa.

Non si è, infine, lasciata sfuggire l’occasione di farsi “certificare per competere” l’agenzia investigativa Argo che ha, infatti, ottenuto il bollino sia per la Gestione del Sistema di Qualità (ISO 9001) che per la Sicurezza delle Informazioni (ISO 27001). Ma vediamo nello specifico cosa significano queste due attestazioni.

Per saperne di più leggi anche:

<<I professionisti di Argo lavorano così>>

<<Argo e la pianificazione investigativa>>

<<Certificare per competere: Argo scommette su qualità dei processi e sicurezza delle informazioni>>