Chi di truffa (assicurativa) ferisce di truffa perisce e a pagare è anche chi non c’entra niente. Ed è così che è andata in provincia di Massa Carrara dove, per colpa dei tanti falsi sinistri, le tariffe dei premi RC auto sono schizzati ben al di sopra della media nazionale. “Davanti a Massa Carrara c’è solo Napoli – si legge in un recente articolo pubblicato sul Tirreno – Tutti incauti e pericolosi al volante? No, per la Procura no. «Perché una truffa dal valore complessivo di tre milioni di euro ha fatto salire tanto il costo delle assicurazioni in provincia», spiega il procuratore Aldo Giubilaro commentando l’inchiesta sulle truffe assicurative che ha portato quattro persone in carcere e altre 13 ai domiciliari. L’operazione “botto”. Che è scoppiata anche nelle tasche dei cittadini”.

Un caso di cronaca che riapre il dolente capitolo delle truffe assicurative e dei furbetti che cercano di trarre profitto dalle situazioni più svariate. Tra le storie più comuni sicuramente quelle dei falsi incidenti automobilistici e dei risarcimenti danni gonfiati ma non sono certo le sole.

Truffe assicurative: Il CEDU dice sì agli investigatori privati

Se truffe assicurative e frodi più in generale sembrano trovare terreno fertile (ad esempio sul web), d’altra parte compagnie assicurative e privati possono cercare quanto più possibile di prevenire o arginare il fenomeno ricorrendo, tra l’altro, ai servizi di investigatori privati e agenzie qualificate. E va in questa direzione una recente la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) che ha dichiarato legittimo il ricorso agli 007 privati per individuare eventuali truffe ai danni delle assicurazioni.

La sentenza è arrivata lo scorso 17 gennaio quando la Corte di Strasburgo si è pronunciata in favore di una compagnia assicurativa che aveva chiesto aiuto ad un investigatore privato per smascherare una truffa, rigettando il riscorso presentato della coppia svizzera protagonista della vicenda. Al centro del contenzioso un incidente stradale risalente al 2001 e un uomo ferito che aveva chiesto un risarcimento danni di 1,8 milioni di franchi.

Ed è qui che la compagnia assicurativa, ritenendo la somma troppo alta rispetto all’accaduto, decide di affidare il caso ad un’agenzia investigativa per ulteriori accertamenti. Gli investigatori ingaggiati seguono la coppia per quattro giorni, constatando che l’uomo conduce una vita del tutto normale. La coppia a questo punto si rivolge al tribunale svizzero per violazione della privacy ma i giudici di merito rigettano l’istanza. La coppia avvia allora il ricorso al CEDU che conferma, però, la posizione della corte elvetica. Secondo Strasburgo, infatti, l’uomo è stato ripreso in un luogo pubblico e le informazioni relative alla moglie, che compare solo in alcune scene dell’indagine investigativa, casuali e frammentarie, non darebbero adito ad alcuna forma di sorveglianza sistematica.

L’investigatore privato e le indagini antifrode

In cosa consistono, dunque, le indagini antifrode da parte di un investigatore privato? L’agenzia investigativa Argo mette a disposizione i suoi investigatori privati professionali per servizi differenti, alcuni di tipo preventivo altri invece ex post.

Se ad esempio si ha il timore di subire una truffa o non si è sicuri di una trattativa o di un affare, si può chiedere ai professionisti di Argo di intervenire con indagini specifiche quali: la ricerca di persone irreperibili o scomparse, l’analisi reputazionale di aziende o privati, le investigazioni patrimoniali, l’Osint (intelligence delle fonti aperte). Quando, invece, si è già subita la frode, oltre a rivolgersi alle forze dell’ordine, gli investigatori privati Argo possono intervenire attraverso la divisione criminalistica con indagini difensive penali svolte appositamente per ricercare elementi probatori a favore della parte offesa.

L’attività investigativa realizzata proprio per conto delle compagnie di assicurazioni ha, dunque, lo scopo di tutelarle dai tentativi di frode, di simulazione e di occultamento messi in atto da clienti… fraudolenti.

 

Diritto d’autore: 123RF